In Val d’Otro si conservano i più interessanti insediamenti abitativi valsesiani dei walser

Raggiungibile soltanto a piedi , nel cuore del territorio alagnese è un’altra ampia zona ricca di suggestioni ambientali e di scorci panoramici meravigliosi. Prende nome dall’omonimo torrente che la attraversa e si raggiunge esclusivamente con una facile passeggiata dalla bassa frazione alagnese di Pedelegno.

In Val d’Otro si conservano i più interessanti insediamenti abitativi valsesiani dei walser che in tutto il territorio impressero fortemente il loro stile. Si incontra in questa direzione l’Alpe Follu, probabilmente il primo e più conosciuto alpeggio tra quelli disseminati in questa zona di fondo valle.

Il sentiero offre stupendi scorci panoramici sul centro abitato di Alagna e sulle alte cime che ne fanno corona. 

A circa metà del percorso una graziosa fontanella accoglie gli escursionisti offrendo la sua limpida e fresca acqua.  Salendo ancora il paesaggio muta radicalmente, si passa da una fitta e rigogliosa vegetazione agli immensi prati verdissimi  e pianeggianti dell’Alpe Follu a 1700 m di dislivello. Ogni cosa in questa piccola frazione ricorda la cultura dei Walser: dalle case costruite  in legno e sasso, alla piccola chiesetta dedicata alla Madonna della neve nonché il nome delle frazioni circostanti:  Felleretsch, Tschukke, Dorf, Scarpia e Weng.

Dopo una sosta obbligatoria al meraviglioso rifugio dell’Alpe Follu, l’escursionista è libero di scegliere il percorso che più si addice alla sue possibilità, grazie ai tanti sentieri che con distanze e tempi regolabili offrono a tutti la possibilità di divertirsi  ammirando il paesaggio. Numerosi i piccoli alpeggi nella zona abitati naturalmente solo nel periodo estivo.

Da Follu si può raggiungere il Passo Foric (2400 m) e proseguire nella vicina valle dell’Olen oppure, dal lato sinistro della valle, i laghi Tailly e l’omonima alpe, o infine il Bivacco Ravelli a 2504 m di dislivello.

 La vetta più alta è il Corno Bianco (3320 m), le cui pendici ospitano due piccoli ghiacciai: il ghiacciaio d'Otro, dal quale ha origine l'omonimo torrente che percorre tutta la valle e il nevaio di Puio. Agli inizi del Novecento la Valle era anche servita da un piccolo impianto di risalita che collegava il Belvedere con le varie frazioni di Otro e da una piccola cabinovia che la collegava alla vicina Alagna, ma con l’avvento degli anni ’70 e la scarsa affluenza di gente gli impianti e il rinomato albergo Belvedere sono stati abbandonati e smantellati.

Oggi la Valle di Otro è ancora considerata come un luogo di villeggiatura, dove il turista può immergersi nell’assoluto silenzio e nella bellezza del paesaggio, oppure vedere le antiche tradizioni Walser di agricoltura, pastorizia e caccia che ancora sono presenti in questa meravigliosa valle. Ad Otro è presente anche una "azienda faunistica venatoria" per regolamentare la caccia.

  • RISTORANTI

    Alta Valsesia Ristoranti e trattorie
  • ACCOMODATION

    Alta Valsesia Accoglienza
  • Webcam

    Alta Valsesia Webcams
  • SITUAZIONE

    Alta Valsesia Situazione Meteo
Paolonet di Paolo Brignone