Per Musica a Villa Durio Massimo Giuseppe Bianchi e Antonio Ballista
19-10-2014

Domenica 19 ottobre Alle 17,30 a Villa Durio i due pianisti suoneranno Beethoven, Brahms e Stravinsky

Dopo il successo del bellissimo concerto di domenica scorsa prosegue domenica 19 ottobre, sempre a Villa Durio alle ore 17,30 la rassegna ‘Musica a Villa Durio’ che da 14 anni porta a Varallo celebri interpreti e bellissimi programmi di musica classica, jazz e popolare. Si tratta di un’iniziativa dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Varallo, realizzata dall’Ufficio Cultura del Comune in collaborazione con l’Associazione 24. I concerti di questa edizione stanno riscuotendo un particolare successo anche per quanto riguarda l’affluenza di pubblico. Domenica 19 vi sarà, come dicevamo, un concerto a quattro mani con Massimo Giuseppe Bianchi e Antonio Ballista. Nel bellissimo programma che i due pianisti proporranno al pubblico di Villa Durio figurano opere di Ludwig van Beethoven, Johannes Brahms (5 Danze Ungheresi) e Igor Stravinsky.

Antonio Ballista è pianista, clavicembalista e direttore d’orchestra; fin dall’inizio della carriera non ha posto restrizioni alla sua curiosità e si è dedicato all’approfondimento delle espressioni musicali più diverse. Da sempre convinto che il valore estetico sia indipendente dalla destinazione pratica e che le distinzioni di genere non debbano di per sé considerarsi discriminanti, ha effettuato personalissime escursioni nel campo del ragtime, della canzone italiana e americana, del rock e della musica da film, agendo spesso in una dimensione parallela tra la musica cosiddetta di consumo e quella di estrazione colta. Particolarissimi per invenzione originalità e rigore i suoi programmi, che sconfinano talvolta nel teatro ed ampliano spesso gli ambiti rituali del concerto. Dal 1953 suona in duo pianistico con Bruno Canino, una formazione d’ininterrotta attività la cui presenza è stata fondamentale per la diffusione della nuova musica e per la funzione catalizzatrice sui compositori. Ha suonato sotto la direzione di Abbado, Bertini, Boulez, Brüggen, Chailly, Maderna e Muti e con l’Orchestra della BBC, il Concertgebouw, La Filarmonica d’Israele, la Scala di Milano, i Wiener Philarmoniker, la London Symphony, l’Orchestre de Paris, le Orchestre di Filadelfia e Cleveland e la New York Philarmonic. E’ stato spesso invitato in prestigiosi festival tra cui Parigi, Edimburgo, Varsavia, Berlino, Strasburgo, Venezia, Maggio Musicale Fiorentino…Hanno scritto per lui Berio, Boccadoro, Bussotti, Castaldi, Castiglioni, Clementi, Corghi, De Pablo, Donatoni, Giuliano, Lucchetti, Morricone, Mosca, Panni, Picco, Sciarrino, Sollima, Togni e Ugoletti. Ha effettuato tournées con Berio, Dallapiccola e Stockhausen ed ha collaborato con Boulez, Cage e Ligeti in concerti monografici. Come direttore d’opera ha debuttato al teatro dell’Opera di Roma con “Gilgamesh” di Franco Battiato. É fondatore e direttore dell’ensemble Novecento e Oltre, formazione stabile che ha esordito nel 1995 in occasione dell’esecuzione integrale dell’opera di Webern, il cui repertorio va dal Novecento storico fino alle più r,ecenti tendenze. Con Alessandro Lucchetti e Federico Mondelci ha costituito nel 2003 il trio Fata Morgana, che esegue musica “cross-over”. La sua passione per la letteratura liederistica lo ha portato a collaborare con i cantanti Roberto Abbondanza, Magdalena Aparta, Anna Caterina Antonacci, Monica Bacelli, Marco Beasley, Gemma Bertagnolli, Cathy Berberian, Phillys Bryn-Julson, Alda Caiello, Luisa Castellani, Laura Cherici, Gloria Davy, Claudio Desderi, Manuela Giuliano, Mirko Guadagnini, Kim Kriswell, Sarah Leonard , Anna Moffo, Alide Maria Salvetta, Susanna Rigacci, Luciana Serra, Lucia Valentini Terrani, Lorna Windsor. Legato in un sodalizio trentennale con Paolo Poli, Antonio Ballista ha lavorato inoltre con gli attori Gianni Agus, Arnoldo Foà, Monica Guerritore, Ottavia Piccolo, Toni Servillo, Franca Valeri, Milena Vukotic e Peter Ustinov e le danzatrici Marga Nativo ed Elisabetta Terabust. Incide per La Bottega Discantica, Emi, Rca, Ricordi, Wergo. Ha insegnato nei Conservatori di Parma e Milano e all’Accademia Pianistica “Incontri col Maestro” di Imola.

Massimo Giuseppe Bianchi

Dopo il diploma di Conservatorio, Massimo Giuseppe Bianchi ha proseguito gli studi sotto la guida di Bruno Canino, si è specializzato nel repertorio cameristico con Franco Rossi, Maureen Jones, il Trio di Trieste e il Trio di Milano ed in composizione con  Vittorio Fellegara e Bruno Zanolini.

E’ ospite di numerose istituzioni musicali e di festival di prestigio come “Settembre Musica” di Torino, Amici della Musica di Campobasso, Campus Internazionale di Musica di Latina, Società del Quartetto di Vercelli, Centro Studi Musicali“Ferruccio Busoni” di Empoli, Accademia Filarmonica Romana, Associazione Musicale Lucchese, Columbia University (NYC) e di trasmissioni radiofoniche per RAI Radio3, RAI Radio2 e della Radio della Svizzera Italiana.

Tra le sue numerose collaborazioni artistiche ricordiamo quelle con Bruno Canino, Aron - Quartett, Lorna Windsor, Luca Avanzi e con l’Orchestra da Camera di Mantova.

 

Musicista versatile ed abile improvvisatore si interessa al jazz con collaborazioni di prestigio come quella con Enrico Pieranunzi, Paolo Damiani, Louis Sclavis. 

Nei suoi concerti affronta spesso opere di rara esecuzione e notevole impegno virtuosistico, dalle variazioni Goldberg di Bach alla Sonata di Jean Barraquè ; ha eseguito più volte il ciclo completo delle trascrizioni per pianoforte delle nove sinfonie di Beethoven realizzate da Franz Liszt oltre a numerosi lavori a lui dedicati da autori come Giorgio Gaslini e Stefano Taglietti.

 

Nel 2011 ha preso parte, su invito di Michele Campanella, alla prestigiosa “Maratona Liszt” presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma eseguendo opere del compositore ungherese.

Ha  realizzato l’incisione integrale in due CD dell’opera pianistica di Giorgio Federico Ghedini uscita nel 2011 e delle opere per violino e pianoforte dello stesso autore con Emy Bernecoli nel 2013 per l’etichetta Naxos .

Il suo ultimo lavoro come compositore è l’opera “Il Rossini Perduto” con il libretto di Luigi Ballerini e le scenografie di Marco Gastini, presentata in anteprima nel Novembre 2012 presso Palazzo Reale a Milano.

Il suo nuovo cd uscirà a novembre 2014 con  opere per violino e pianoforte di Ottorino Respighi e Riccardo Pick-Mangiagalli realizzato con la violinista Emy Bernecoli per Naxos. Un’altra sua incisione realizzata a Vienna uscirà nel 2015 per l’etichetta tedesca Cpo.

 

Ingresso a 10 euro, gratis per i bambini fino a 12 anni. per informazioni telefonare al  umero 0163562711 oppure scrivere un’email a associazione24@tiscali.it

 

  • RISTORANTI

    Alta Valsesia Ristoranti e trattorie
  • ACCOMODATION

    Alta Valsesia Accoglienza
  • Webcam

    Alta Valsesia Webcams
  • SITUAZIONE

    Alta Valsesia Situazione Meteo
Paolonet di Paolo Brignone