Borgosesia
Borgosesia

Il Centro più sviluppato dell'intera Valsesia

Storia antica, ambiente, intraprendenza, lavoro, economia, commercio. Una somma di prerogative e di eccellenze caratterizzano il profilo di questa cittadina valsesiana, capoluogo industriale ed economico e centro più popoloso del territorio.

Borgosesia ha un’estesa distribuzione urbanistica, nel centro di un ampio bacino che è anche epicentro di diverse vie di collegamento fra i territori limitrofi della Valsessera, del Biellese, del Vercellese e del Novarese. Le sue origini sono davvero remotissime se trattati storici le assegnano la fondazione nel 14 a.C., con la denominazione latina di Seso poi divenuto Borgofranco e infine Borgosesia. Sono diversi e tutti interessanti i capitoli della storia italiana che citano questo importante centro valsesiano, dal Medioevo all’epoca napoleonica, dal Risorgimento alle guerre del secolo scorso.

Borgosesia trae dalla sua fisionomia propulsiva e dinamica molti benefici che ne fanno un riferimento sociale, residenziale e politico di primo livello

Il ruolo di supremazia indiscussa nel quadro lavorativo, produttivo e strutturale si affianca a quello di Varallo, capoluogo storico, artistico e culturale della vallata; la dimensione moderna infatti continua ad alimentare il movimento socio-economico sull’industria, il commercio e la produttività in genere, divisa fra tessile-laniero, metallurgico e alimentare con presenze di aziende prestigiose e un indotto lavorativo maturo e prolifico.

Ovviamente Borgosesia trae da questa fisionomia propulsiva e dinamica molti benefici che ne fanno un riferimento sociale, residenziale e politico di primo livello

Molte le ragioni di visita per il grande Borgo valsesiano, a cominciare dalla sua preziosa chiesa parrocchiale dedicata ai Santi Patroni Pietro e Paolo, imponente edificio secentesco dall’interno ampio e luminoso, che conserva ammirevoli opere di Bernardino Lanino, Gaudenzio Ferrari, Tanzio da Varallo, Rocca, Gianoli, Zali e altri ancora oltre a diversi splendidi arredi antichi: sorge in pieno centro storico dove signorili e gentili edifici testimoniano un passato distinto e nobile, ben conservato nonostante un forte sviluppo edilizio. Borgosesia ha i tratti della moderna città, a pieno titolo, con ampie vie interne di scorrimento, aree verdi, zone pedonali e ambiente curato che la rendono del tutto gradevole alla visita e all’abitabilità. Un poggio all’estremità sud del Borgo è il luogo dove sorge il Santuario di Sant’Anna, con un itinerario di cappellette devozionali lungo il percorso dedicate alla Madonna. Da notare, assolutamente, sono lo splendido Ponte napoleonico che conduce alla frazione di Agnona, la centralissima Piazza Martiri con la monumentale fontana Frascotti e l’omonima Galleria, il Mausoleo di Caduti, l’ospitale area verde denominata Parco Magni. E poi le sue realtà museali, dalla paleontologia e archeologia all’etnografia e folklore.

A proposito di frazioni, è semplicemente meraviglioso l’intero arco frazionale che fa da cornice al Borgo in ogni direzione: distribuite a raggiera infatti sono una miriade di minuscoli agglomerati abitativi, tutti di origine antica e quasi tutti esposti splendidamente al sole, alcune di queste ( Agnona, Aranco, Ferruta, Foresto, Isolella) un tempo autonome; con queste ricordiamo almeno  Aranco, Bettole, Caneto, Cartiglia, Cravo, Fornace, Isolella, Montrigone, Pianaccia, Rozzo, Vanzone, Valbusaga e molte altre… per quanto, come detto, siano tutte interessanti e degne di una sorprendente e gradevole escursione.

Borgosesia è nota ovunque per il Carnevale, una grande, tradizionalissima e sentitissima manifestazione che gode di una propria notorietà e di una vitalità speciale, maturata in oltre un secolo di vita e sempre sorretta da una forte passione popolare e da una nutrita partecipazione.

  • RISTORANTI

    Alta Valsesia Ristoranti e trattorie
  • ACCOMODATION

    Alta Valsesia Accoglienza
  • Webcam

    Alta Valsesia Webcams
  • SITUAZIONE

    Alta Valsesia Situazione Meteo
Paolonet di Paolo Brignone